goulash d’estate

Il goulash è un tipico piatto invernale, ma volendo lo si può “rinfrescare” sostituendo alla tanta paprica d’obbligo un bel po’ di pomodorini ciliegia. E’ una variante non priva di qualche soddisfazione, sia per gli occhi che per il palato.
Ingredienti: circa mezzo chilo di polpa di manzo o di vitellone, 1 grossa cipolla, 2 spicchi d’aglio, una ventina di pomodori ciliegia, 3 grosse patate, 1 cucchiaio d’olio d’oliva, 1 cucchiaio di misto spezie per cous cous, 1 cucchiaino di cumino in polvere, mezzo bicchiere di vino bianco, sale, un pezzettino di dado, qualche foglia di salvia e qualche foglia di basilico.
Direttamente nella pentola a pressione soffriggere in un cucchiaio d’olio d’oliva la cipolla tritata grossolanamento con l’aglio, anch’esso a pezzettini, e la carne tagliata a grossi dadi. Unirvi anche qualche foglia di salvia fresca tritata fine. Non appena la cipolla inizia a imbiondire e la carne comincia a rosolarsi bagnare con il vino e continuare la cottura ancora per qualche minuto. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà e una scodella d’acqua più il sale, il pezzettino di dado, le spezie e il basilico spezzettato. Chiudere il coperchio ermetico e cuocere per 45 minuti dopo il fischio. Scoperchiare, assaggiare per capire se va aggiunto ancora un po’ di sale e unire al sugo le patate tagliate a pezzi. Cuocere coperto per altri 10 minuti dal fischio e servire con cous cous o riso basmati bollito o fette di pane rustico tipo pugliese.

(Dal Diario di ricette “Quattro stagioni” di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”. Tessera dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.
Questa voce è stata pubblicata in Easy Cooking. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*