per fortuna ci sono le spezie

Uno dei problemi che deve affrontare chi per motivi estetici ha deciso di osservare rigorosamente un regime a basso tasso calorico, è la monotonia degli ingredienti e dei sapori perché, come si suol dire, ed è la verità, tutte le cose buone fanno male (leggi: fanno ingrassare). Tuttavia, scartati i grassi (burro, panna, formaggi e via dicendo), scartati gli zuccheri (dolci, gelati, granite e via dicendo), scartati i carboidrati (pane, pasta, focacce e via dicendo), scartati alcolici e bevande calde/fredde zuccherate, qualcosa resta per poter variare e rendere gradevole una dieta smilza a vita. Sono le erbe aromatiche e le spezie.
E quando si dice spezie non si intendono solo quelle piccanti (pepe, peperoncino, curry, paprika, ecc.), da usare ma non abusare per non incorrere in altri guai, ma tutta la gamma variegata di cumino, anice, cannella, vaniglia, chiodi di garofano, noce moscata e chi più ne ha più ne metta. Modulando le polveri di queste preziose bacche (o semi o radici), per secoli considerate talmente preziose da divenire in certi casi moneta di scambio, si possono far raggiungere sublimi vette di delizia alla solita polpetta, alla noiosa insalata, alla insapore verdura lessata.

(Da “La gola e la linea”, inedito di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”.
Tessera dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.

Questa voce è stata pubblicata in Easy Dieting e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*