marmellata di mandarini

Come per la marmellata d’arance servono mandarini non trattati. Si punzecchia la buccia con una forchetta e li si mette a bagno in acqua fredda per due o tre giorni cambiando l’acqua mattino e sera. Se invece i mandarini sono quello che resta dopo averne impiegata la buccia per preparare il liquore “mandarinetto”, non serve metterli a bagno.
Ingredienti: 1 kg di mandarini non trattati, 1 kg di zucchero, il succo di un limone, un pizzico di sale.
Tagliare i mandarini a metà in senso longitudinale e affettarli a fette sottilissime eliminando via via tutti i semi. Metterli a cuocere in due dita d’acqua per 5-10 minuti, quindi aggiungere lo zucchero, il sale e il succo di limone. Continuare la cottura per un’ora girando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno onde evitare che la marmellata si attacchi al fondo del contenitore. Travasare la marmellata ancora calda in vasi con coperchio a vite dopo aver steso una pellicola tra l’apertura e il coperchio. Mettere i vasi in un contenitore riempito con acqua fredda e sterilizzarli facendoli bollire nell’acqua per almeno mezz’ora. Non toglierli dall’acqua prima che questa si sia completamente raffreddata. Preferibilmente conservare i vasi in frigorifero.

(Dal Diario di ricette “Four Seasons” di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”.
Tessera dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.

Questa voce è stata pubblicata in Easy Cooking. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*