minestra di cavolfiore

Con le prime piogge d’autunno arriva la voglia di qualcosa di caldo, per esempio una bella minestra appagante e light come questa. Tra parentesi, era uno dei piatti preferiti dalla mia mamma e anche uno di quelli che le riuscivano meglio. A quelli più complicati ci pensava il babbo che, soprattutto la domenica, si esibiva ai fornelli con ragù e spezzatino per condire lasagne o gnocchi o ravioli di ricotta, tutto rigorosamente fatto in casa tra qualche bisticcio domestico ma con risultato assolutamente garantito.
Ingredienti per 6 coperti: 1 cavolfiore, 1 cipolla, 2 patate medie, 1 etto di riso, 1 cucchiaio d’olio d’oliva, 1 bicchiere di vino bianco secco, mezzo dado per brodo, un pezzo di cotica o di pancetta affumicata, una crosta di parmigiano, parmigiano grattugiato, pepe, sale, noce moscata.
Direttamente in pentola a pressione soffriggere la cipolla e le patate affettate. Bagnare con il vino bianco e aggiungere a pezzi il cavolfiore pulito e privato delle parti più dure. Coprire con acqua, unire il dado, il sale, la pancetta e la crosta di formaggio. Chiudere il coperchio e cuocere per 15 minuti dopo il fischio. Scoperchiare e aggiungere il riso, un po’ di pepe e una grattugiata di noce moscata. Riprendere la cottura per altri 2 minuti dopo il fischio. Scoperchiare, aggiungere 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, rigirare e servire. A piacere unire altro parmigiano e un filo d’olio d’oliva.

(Da “C’era una volta la minestra”, inedito di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”. Tessera dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.
Questa voce è stata pubblicata in Easy Cooking, Easy Dieting. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*