risotto al pomodoro

Era da tanto che non lo facevo, ma in queste giornate dalle piogge interminabili e all’orizzonte sempre nuovi balzelli con cui dover fare i conti è quello che ci vuole per “tirarsi su”. Oltre ad essere molto “consolatorio”, è uno dei pochi risotti che viene benissimo anche in pentola a pressione, salvo una breve mantecatura a fine cottura.
Ingredienti per 2-3 persone: 200 g di riso Carnaroli, 1/2 cipolla, 1/2 scatola di polpa di pomodoro, 1/2 bicchiere di vino bianco, 1/4 di dado per brodo o brodo di carne, 3 o 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 3 bicchieri d’acqua, 2 pezzetti di burro e un goccio d’olio d’oliva, 1 pizzico di sale, 1 di pepe e 1 di noce moscata in polvere.
Direttamente in pentola a pressione soffriggere in un pezzetto di burro e poco olio la cipolla tritata grossolanamente. Quando inizia ad appassire e prima che bruci aggiungere il riso. Rigirarlo velocemente per fargli assorbire il condimento e bagnarlo con il vino bianco. Lasciare evaporare e aggiungere la polpa di pomodoro, quindi le spezie, il dado, un po’ di sale e 3 bicchieri d’acqua. Amalgamare bene il tutto e chiudere la pentola a pressione. Calcolare 7 minuti di cottura dopo il fischio. Aprire la valvola per fare uscire tutto il vapore e scoperchiare. Girare energicamente il riso con un cucchiaio di legno e continuare la mantecatura aggiungendo un pezzetto di burro e il formaggio parmigiano grattugiato. Correggere di sale se serve e portare in tavola con dell’altro parmigiano.

(Dal Diario di ricette “Four Seasons” di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”. Tessera dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.
Questa voce è stata pubblicata in Easy Cooking e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*