le buone chiacchiere

20160212_174321_resized 20160212_153514_resized 20160212_153920_resized 20160212_155459_resized 20160212_171241_resized 20160212_182421_resizedNon sarebbe Carnevale se non ci fossero le chiacchiere: sottili, fragili, croccanti e poco dolci, anche se avvolte in una nuvola di zucchero a velo. Talmente buone d’avere travalicato da tempo i confini della festa per essere gustate tutto l’anno. Cosa già accaduta alla maggior parte dei dolci della tradizione italiana, a cominciare dal milanese panettone per finire con la gubana friulana o la pinza triestina.20160212_172229_resized
Ingredienti per 8/10 persone: 500 g di farina 00, 2 uova intere e 2 tuorli, 50 g di burro, 1 cucchiaio di zucchero, mezzo bicchiere di vino bianco, mezzo cucchiaino di bicarbonato, un pizzico di sale, 1 confezione di zucchero a velo, mezzo litro di olio di semi per friggere.
In una ciotola sbattere delicatamente le uova con lo zucchero, il sale e il burro a temperatura ambiente tagliato a pezzettini. Unire la farina, il bicarbonato e poco per volta il vino bianco mescolando energicamente con la forchetta o un cucchiaio robusto. Quindi lavorare la pasta con le mani finché non diventa perfettamente liscia. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per mezz’ora. Riprenderla, tirarla a sfoglia il più sottile possibile e con l’apposita rotella ritagliarvi dei quadrotti o delle losanghe incidendoli anche al centro. Poco prima che l’olio inizi fumare in un’ampia padella dai bordi alti immergervi 4 0 5 ritagli di pasta e lasciarli gonfiare. Non appena assumono un colore rosa chiaro rivoltarli sull’altro lato aiutandosi con una pinza da cucina. Pochi secondi e le chiacchiere sono pronte per essere messe ad asciugare su un doppio strato di scottex. Fondamentale che non prendano troppo colore altrimenti perderebbero il loro tipico sapore. Una volta disposte sul piatto di portata le si spolvera, strato dopo strato, con abbondante zucchero a velo. Se le si desidera particolarmente croccanti, una volta tolte dalla padella le si può mettere ad asciugare per 10-15 minuti nel forno a bassa temperatura (non più di 100°C).

(Dal Diario di ricette “Four Seasons” di Rosanna Prezioso)

Info su Rosanna Prezioso

Rosanna Prezioso, giornalista professionista esperta in bellezza, moda e benessere, già beauty chief editor a Cento Cose e a Vogue Italia, ha collaborato con Amica, Gioia, Anna, Bella, Pratica, Io Donna, Marie Claire, Cosmopolitan e Panorama First. Tra i suoi interessi la cucina, l’arte, il disegno e la poesia. Libri pubblicati: “Cose di casa”, “Non solo amore”. Tessera dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti N. 052397.
Questa voce è stata pubblicata in Easy Cooking. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*